Vedere Marsiglia in Crociera

Marsiglia è il primo scalo crocieristico della Francia e sebbene non goda di ottima fama turistica, la maggior parte delle compagnie di crociera attraccano a Marsiglia per offrire city tours o escursioni in Provenza.

La città focese è stata considerata per molto tempo una meta pericolosa, sporca e caotica, e quindi spesso snobbata da tutti. Poi nel 2013 è stata proclamata Capitale Europea della Cultura ed è tornata finalmente in auge.

È stato il progetto di riqualificazione urbana chiamato Euroméditerranée a dare un nuovo volto alla città, attraverso il rinnovamento dell’area portuale (il vieux port), la trasformazione di una zona industriale in decadimento e la valorizzazione del suo centro storico.

10 anni più tardi Lonely Planet ha insertito Marsiglia nella Best in Travel destination 2023, una lista delle 30 migliori destinazioni da visitare durante l’anno. Non solo, ha anche inserito Marsiglia nella categoria “learn”, suggerendo al viaggiatore che c’è molto da imparare in questa città millenaria e anche tanto da scoprire.

Travel always opens us up to new experiences. These are places where your best souvenir is what you learn.

Marsiglia in crociera, vale la pena?

Abituata a sentirmi dire dai clienti della mia agenzia di viaggi che Marsiglia è brutta, ho approfittato del Famtrip con Costa Crociere dello scorso autunno per vederla con i miei occhi e farmi una mia personale opinione.

Dunque, vale davvero la pena visitarla? Io dico di si. Per me Marsiglia è stata rivelatrice. L’ho trovata una città elegante (passeggiando lungo Rue de la République si avverte di essere in Francia, a tratti ricorda Parigi), luminosa e dal carattere bohémien (in particolare il quartiere Le Panier).

Marsiglia in crociera, cosa vedere

Le Vieux-Port di Marsiglia

Tra le cose più interessanti da vedere a Marsiglia c’è il vecchio porto, che da sempre è il cuore pulsante della città.

Il porto ha una forma rettangolare ed è circondato da tre promenade: Quai des Belges, Quai du Port e Quai de Rive Neuve. Lungo la prima promenade si svolge ogni giorno il mercato del pesce, mentre lungo le ultime due, si trovano numerosi café e ristoranti, dove i turisti e gli stessi marsigliesi amano recarsi per passeggiare o pranzare.

Nel vieux port ormai non entrano più le navi commerciali o le navi da crociera, ma solo barche a vela e yacht. Questo cambiamento ha reso l’ambiente molto più disteso e decisamente più gradevole di un tempo.

Le Fortezze di Saint-Nicholas e Saint-Jean

All’ingresso del vecchio porto si possono ammirare i resti di due fortezze, quella di Saint-Nicolas (situata sul lato sinistro) e quella di Saint-Jean (situata sul lato destro).

Il forte Saint-Nicolas fu voluto da Luigi XIV nel 1660 sia per difendere la città da possibili invasioni, sia per controllare e reprimere possibili rivolte popolari. Per visitarlo, bisogna contattare direttamente l’Ufficio del Turismo locale.

Il forte di Saint-Jean, invece, era già stato eretto quando Luigi XIV decise di ricostruirlo per renderlo un’estensione del forte di Saint-Nicolas. Fu utilizzato per difendere il porto della città, ma servì anche da prigione durante la Rivoluzione Francese e deposito di munizioni delle truppe tedesche durante la Seconda Guerra Mondiale.

Oggi il forte ospita una parte della collezione del Museo delle civiltà dell’Europa e del Mediterraneo.

Il MUCEM

Il Museo più importante e più bello di Marsiglia è il MUCEM, dedicato alle civiltà del Mediterraneo dalla preistoria ad oggi. Si trova nel vieux-port e si compone di due edifici: il forte di Saint-Jean e il J4, progettato dall’archietto Rudy Ricciotti.

All’interno del J4 vengono ospitate ogni anno anche delle mostre temporanee, ma ciò che più colpisce ed incuriosisce il visitatore è il modo in cui è stato costruito l’edificio. Si tratta di un cubo ricoperto da un rivestimento metallico nero che ricorda le reti dei pescatori. Tra il blocco centrale e il rivestimento ci sono delle rampe sulle quali si può camminare. Infine sul tetto si estende la passerella sospesa sul mare che collega il J4 al forte.

Il biglietto d’ingresso al Museo, alla mostra permanente e a quelle temporanee, costa € 11,00 per gli adulti e € 7,50 per i bambini. L’ingresso al Mucem è incluso nel City Pass della città di Marsiglia e nel City Pass Marsiglia Provenza.

La Cattedrale di Marsiglia

Alle spalle del MUSEM sorge la Cattedrale di Santa Maria Maggiore di Marsiglia, comunemente chiamata La Major.

Fu costruita nel 1800 in pietra verde di Firenze e marmo bianco di Carrara, svariate pietre, onice e mosaici veneziani. Un complesso architettonico imponente e di straordinaria bellezza.

La facciata della Cattedrale è in stile neobizantino, decorata con ornamenti dorati, colonne e statute dei santi provenzali, oltre che a quella di Gesù, degli apostoli Pietro e Paolo, e San Lazzaro.

Attorno a quest’ultimo aleggia una vera e propria controversia: si dice, infatti, che sia stato, nel periodo dopo la sua resurrezione e la sua seconda morte, sia vescovo di Marsiglia che vescovo di Kition, attuale Larnaca a Cipro, e che le sue reliquie siano custodite sia a Marsiglia che a Larnaca.

L’ingresso alla Cattedrale è gratuito.

Nel piazzale tra il Museo e la Cattedrale, nel 2020 è stato installato un orso gigante, l’Oursjayet dell’artista Jayet. Si tratta di una scultura Pop Art di 5 metri d’altezza e pesante 6 tonnellate. L’orso più grande del mondo ha due faccia: da entrambe i lati, infatti, è raffigurata la stessa figura e sta a rappresentare il passato e un futuro migliore.

Il quartiere Le Panier

Le Panier è il quartiere più interessante da visitare a Marsiglia. Si trova alle spalle del porto vecchio e accanto alla Cattedrale La Major.

Un tempo era il quartiere più popolare e malfamato della città, oggi è invece il quartiere più alla moda di Marsiglia.

Al suo interno, le facciate degli edifici e molte insegne di antiche botteghe sembrano rimasti sospesi nel tempo e nessuno può ristrutturarle, sono infatti considerate monumenti storici di Marsiglia.

Tra gli anni ’80 e ’90 si sono aperte in questo quartiere gallerie d’arte, negozi di artigianato, negozi vintage e ristorantini di ogni tipo. Molti artisti, provenienti da diverse parti del mondo, hanno iniziato a dipingere murales quasi ovunque, diffondendo così la cultura della Street Art in tutta la città.

Nel quartiere Le Panier si respira un’ambiente nostalgico e bohémien ed è il luogo perfetto dove fermarsi per un pastis, l’aperitivo francese a base di anice.

Basilica di Notre-Dame de la Garde

Un’ultima visita che si riesce a fare a Marsiglia durante una crociera del Mediterraneo è alla Basilica di Notre-Dame de la Garde.

Se acquistate un’escrusione a bordo della nave, la visita della Basilica è inclusa e anche il trasporto. Nel caso preferiste andare da soli, potete raggiungere la Basilica in bus partendo dal porto vecchio (bus numero 60).

La Basilica Notre-Dame de la Garde si trova su un piccolo promontorio ed è visibile da diversi punti della città, in particolare dal vecchio porto di Marsiglia. È il vero simbolo della città e nell’aspetto simile alla Cattedrale di Santa Maria Maggiore: marmi bianchi e verdi e mosaici.

Ciò che la rende distinta dalle altre cattedrali, oltre alla sua storia, è la statua in bronzo dorato della Vergine con il bambino che si trova sul campanile. La Vergine è soprannominata la Bonne Mère (la buona madre) e spesso anche la stessa Basilica viene comunemente chiamata così.

Come arrivare al centro di Marsiglia dal terminal delle crociere

Le navi da crociera attraccano a circa una decina di chilometri dal centro di Marsiglia.

Dall’MPCT (Marseille Provence Cruise Terminal) parte una navetta gratuita ogni 30 minuti ed arriva a La Joliette, il quartiere che si trova nelle immediata vicinanze del porto e il centro città.

Da La Joliette, per arrivare al vieux port, è possibile passeggiare lungo Rue de République, oppure, prendere l’autobus numero 82 o 49.

A bordo delle navi da crociera è possibile acquistare anche solo il transfer fino in centro e il costo è di circa 15 euro.

Cosa vedere a Marsiglia se si ha un po’ più di tempo

Se avete più tempo a disposizione, perché viaggiate in auto o in aereo a Marsiglia, non dovete perdere la seguente escursione:

Le Chateau d’If

Le Chateau d’If è una fortezza costruita nel 1524 dal Re Francesco I di Francia e per secoli è stata una delle prigioni più terrificanti di tutto il paese.

Si trova nel golfo di Marsiglia e molti di voi, forse, lo ricorderanno per il romanzo (o film) di Alexandre Dumas, il Conte di Montecristo.

Oggi il castello è un museo e se siete curiosi di seguire le orme Edmond Dantès, non potete lasciarvi scappare questa occasione.

Dello Chateau d’If si possono visitare il cortile, i sotterranei, le segrete e le celle più remote della prigione. Il traghetto per raggiungere l’isolotto su cui si erge la fortezza parte dal vieux port e costa € 11,10 andata e ritorno. Il biglietto d’ingresso al Castello, invece, costa € 6,00 e lo potete acquistare a questo link.

Sapevate che almeno il 95% dei saponi venduti nel mondo con la scritta “Marsiglia” si fabbricano in Cina o in Turchia? Bisogna, dunque, prestare molta attenzione prima di fare qualche acquisto. Il vero sapone di Marsiglia ha un colore verde o beige e deve contenere il 72% di olio d’oliva o di cocco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.