Ischia, l’isola verde del Golfo di Napoli

L’isola di Ischia, insieme a Capri e Procida, forma parte dell’arcipelago campano situato nel Golfo di Napoli. É conosciuta per i suoi parchi termali e la grande quantità di vegetazione della quale è circondata, per questo è chiamata anche l’isola verde.

Rispetto alla sua vicina Capri è meno mondana, ma perfetta per una vacanza all’insegna del relax e del benessere.

Quali zone di Ischia visitare

Le località più famose di Ischia sono: Ischia Porto, Lacco Ameno, Casamicciola, Forio e Sant’Angelo, distribuite intorno all’isola e due passi dal mare. Altri comuni e piccole frazioni meno frequentate sono, invece, situate sul Monte Epomeo, celebre per essere una delle mete preferite per gli amanti del trekking.

Panorama del dal Monte Epomeo di Ischia
Panorama dal Monte Epomeo

Ischia Porto

Tra le località sopracitate, Ischia Porto è il vero cuore dell’isola. É la porta d’ingresso ad Ischia, la zona dell’isola più vivace, grazie ai suoi rinomati ristoranti, i locali notturni e le boutique di moda. Inoltre, è dove si trovano Ischia Ponte, il borgo più antico di Ischia, e il bellissimo Castello Aragonese.

Tramonto con vista al Castello Aragonese, Ischia
Il Castello Aragonese, roccaforte e residenza reale del Re Alfonso V d’Aragona, si trova arroccato su un piccolo isolotto unito da un ponte all’antico borgo di Ischia Ponte. Oggi appartiene alla Famiglia Mattera, che si occupa della sua manutenzione e restauro. Il Castello è aperto al pubblico ed è possibile visitarlo tutto l’anno. Il biglietto d’ingresso costa € 12,00

Forio d’Ischia

Forio è la seconda località più visitata dell’isola di Ischia, non solo per le sue spiagge, ma soprattutto per il suo centro storico molto carino fatto di vicoli, case addossate e negozietti d’artigianato locale, tra ceramiche e saponette al profumo di limone.

Un luogo molto suggestivo di Forio è il piazzale Giovanni Paolo II, dove sorge a picco sul mare la Chiesa del Soccorso.

Porto di Forio d'Ischia
Tramonto a Forio

Sant’Angelo d’Ischia

Sant’Angelo, invece, è il borgo più affascinante di Ischia. Un piccolo villaggio di pescatori molto elegante ed interamente pedonabile, dove tra i suoi vicoli tinteggiati di bianco si trovano numerose boutique di moda isolana.

Tra le caratteristiche principali di questo borgo, spicca l’isolotto disabitato separato da un piccolo lembo di spiaggia, che regala un’incantevole panorama.

Le spiagge più belle di Ischia

Per quanto siano carini i suoi borghi, Ischia è amata soprattutto per le sue spiagge.

La prima spiaggia da visitare è quella di Citara, che insieme a quella di Sorgeto sono un must. La spiaggia sorge proprio sotto Punta Imperatore, un promontorio che divide la Baia di Citara da Sant’Angelo.

Inoltre, è situata proprio accanto ad uno dei più famosi parchi termali dell’isola, il Parco Termale Poseidon. L’ingresso giornaliero costa dai € 38,00 ai € 45,00 in base al tipo di stagione e permette l’accesso a tutte le piscine e docce termali, idromassaggi, terrazze, giardini e, ovviamente, alla spiaggia della baia. Per i trattamenti c’è un listino a parte.

Spiaggia di Citara
Spiaggia di citara e Punta Imperatore

La seconda spiaggia da visitare è quella di Sant’Angelo, sebbene sia quasi del tutto inesistente. Il mare, d’altronde, in alcune minuscole insenature è di un verde cristallino.

Attenzione alla ripida e faticosa salita da fare dal borgo alla fermata dell’autobus! Nelle ore più calde del giorno potrebbe risultare spossante. Fortunatamente, proprio in cima alla salita, c’è un chiosco che vende solo spremute d’arancia e limone fresche…un tocca sana, super rigenerante!

Nei dintorni di Forio, c’è infine la spiaggia di San Francesco, situata sotto il promontorio di Punta Caruso. La spiaggia è occupata quasi completamente da uno stabilimento balneare e molto affollata in estate, però, anche una delle più romantiche al tramonto.

Benessere, divertimento e gastronomica ischitana

Come ho detto all’inizio, Ischia è famosa in particolar modo per i suoi parchi termali. Chi sceglie quest’isola per usufruire delle terme e dei vari trattamenti offerti, deve recarsi dunque a Lacco Ameno, dove sorge il parco termale Negombo o a Forio, dove sorge il già citato Poseidon.

Per chi, invece, vuole divertirsi Ischia Porto è la meta ideale. Il Valentino, da oltre 40 anni, è ancora la discoteca più famosa dell’isola.

Dal punto di vista gastronomico, tra le pietanze assolutamente da provare c’è il coniglio all’ischitana cucinato con un’erba che cresce solo sull’isola: la pepernia. E per terminare, il liquore a base di rucola conosciuto come il Rucolino.

Come muoversi sull’isola

Il modo migliore per muoversi “attorno” all’isola è in barca ed il motivo è semplice: l’isola è molto trafficata e caotica, soprattutto nei periodi estivi. Per cui, dover attendere un autobus o prendere un taxi potrebbe risultare snervante o dispendioso. Una barca vi darebbe, invece, la possibilità di risparmiare tempo, di rilassarvi e visitare anche luoghi più nascosti ed incantevoli. 

Per chi sceglie di restare sulla terra ferma, ho comunque una buona notizia: fortunatamente ad Ischia ci sono poche linee di autobus, quindi perdersi è difficile. Le linee migliori per muoversi sull’isola sono la linea CS (circolare sinistra), la linea CD (circolare destra) che effettuano un percorso in un unico senso di marcia, e le linee 1 e 2 utili per raggiungere alcune delle spiagge più belle dell’isola.

Ci sarebbe poi la possibilità di noleggiare uno scooter o una piccola auto, o ancora di imbarcare la propria sul traghetto da Napoli. Tuttavia, consiglio di informarvi prima di partire, poiché i Comuni dell’isola sono sempre più proibitivi a riguardo, per evitare il sovraffollamento e il traffico snervante durante il periodo estivo.

Come raggiungere Ischia

Ischia si raggiunge in traghetto o aliscafo da Napoli e Pozzuoli. Durante la stagione estiva, ci sono collegamenti anche da Sorrento, Amalfi e Salerno.

Se si parte da Napoli, è importante sapere che il classico traghetto salpa dalla stazione marittima Porta di Massa, mentre gli aliscafi dalle stazioni marittime di Margellina e Molo Beverello. Una navetta interportuale gratuita (in servizio fino all’ultimo collegamento per Ischia) collega Beverello a Porta di Massa e viceversa.

La traversata dura dai 50 ai 90 minuti, a seconda del tipo di traghetto/aliscafo utilizzato. Alcuni aliscafi effettuano uno scalo all’isola di Procida. Inoltre, effettuano più fermate presso l’isola di Ischia. Quindi, tutto dipende anche dal porto di Ischia in cui scendereste, a seconda della posizione del vostro alloggio.

4 Risposte a “Ischia, l’isola verde del Golfo di Napoli”

  1. Grazie per questa tua guida su Ischia, un’isola che, come le vicine Capri e Procida, mi incuriosisce molto. Non credevo che fosse così grande e soprattutto così trafficata (chissà perché, ma pensavo che fosse possibile visitarla anche a piedi), buono a sapersi. E non credevo nemmeno che il traghetto o l’aliscafo impiegasse più di un’ora per raggiungerla. Terrò in considerazione queste tue info per quando organizzerò un soggiorno sull’isola – spero tanto presto 🙂

  2. Adoro Ischia, ci venivo sempre con i miei da piccolina, e ti dico la verità, a mio parere è molto meglio di Capri. Certo sarà meno iconica, ma ha tanti altri pregi! Varietà di spiagge, tanti giardini e parchi termali…e costa tutto la metà

  3. Ho avuto la fortuna di visitare Ischia molti anni fa con i miei, che se ne sono innamorati, e nel corso degli anni spesso sono ritornata con loro. Direi che Capri ha una rivale di tutto rispetto. Anzi, a dir la verità, io preferisco l’isola verde. Non avrà i faraglioni, ma ha lo scoglio a forma di fungo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.